Chi siamo - L'associazione

012.jpg
 
 

L’Orto rappresenta un importante patrimonio culturale

Un patrimonio non solo locale, che deve essere tutelato e, nel contempo, conosciuto ed utilizzato da un sempre più vasto numero di persone.

L’Associazione opera attraverso i Soci organizzati in gruppi di lavoro che si occupano di curare le visite guidate per scolaresche e adulti, collaborare con i giardinieri nella cura delle piante, organizzare conferenze, corsi, gite e, nell’antico Chiostro dell’Orto, Manifestazioni legate al mondo delle piante e finalizzate ad ampliare la cultura botanica ed a favorire l’accesso del pubblico alla storica struttura.

In accordo con la Direzione del Dipartimento sostiene anche finanziariamente le esigenze dell’Orto, portando a termine progetti di particolare interesse spesso irrealizzabili con i bilanci istituzionali.

Tutti i Soci prestano volontariamente la loro opera.

Vengono pubblicati periodicamente il Calendario delle iniziative e la rivista associativa “Chiacchiere sotto il Platano”.

Nel corso dei suoi primi 15 anni di attività l’Associazione conta di aver portato a visitare l’Orto Botanico non meno di 75.000 persone, mentre le visite guidate a favore delle scolaresche registrano la presenza di oltre 12.000 alunni suddivisi tra scuola materna, elementare, media e superiore.

L’Associazione è retta ed amministrata da un Consiglio Direttivo eletto dall’Assemblea tra i Soci ordinari, che resta in carica tre anni. Dal 1994 ad oggi si sono succeduti cinque Presidenti che sono, nell'ordine: Mario Nicolai, Ottaviano Epis, Pietro Metra, Enrico Barbieri ed Anna Maria Pellegrini Savarino.
 

L’attuale Consiglio Direttivo, eletto il 24 febbraio 2017, è cosi composto:

Il direttivo dell'associazione

Il direttivo dell'associazione

Presidente : Francesco Sartori

Vice presidente : Lorenza Poggi

Tesoriere : Enrico Barbieri

Segretario : Claudio Manelli

Consigliere : Anna Bendiscioli

Consigliere : Martina Rogledi

Consigliere : Anna Maria Zucca

 
 
Amici-del-orto-botanico-eventi.JPG

PERCHÈ UNA "ASSOCIAZIONE AMICI DELL’ORTO BOTANICO"

L’ORTO BOTANICO di Pavia è un importante patrimonio storico-culturale che è ignorato ancora da molti e non è adeguatamente utilizzato e conosciuto dalla città.Alcune curiosità riguardanti l’ORTO BOTANICO:

- Il roseto, con oltre 200 varietà di piante di rose, costituisce una delle più importanti collezioni Italiane.

- Il Platano, seminato da Giovanni Antonio Scopoli nel 1778, in occasione della morte di Linneo, è catalogato tra le “Piante Monumentali d’Italia”; è alto più di 45 metri ed ha una circonferenzadi 7,30 metri misurata ad un metro dalla base.

- Le “Serre Scopoliane” sono opera dell’Architetto Giuseppe Piermarini,  progettista anche del Teatro alla Scala di Milano.

- Nella serra tropicale, caldo-umida, ospitante piante di grande interesse, si trova la palma Chamaedorea oblungata Mart. estinta in natura e presente soltanto in pochi Orti Botanici al mondo.

- Ospita collezioni monografiche di piante di interesse ornamentale come i pelargoni, le ortensie, le camelie, le rose, oppure di interesse officinale o utilitaristico come il caffè, il tea, ecc.

In questo contesto e con queste premesse, nell’intento di rilanciare l’immagine dell’ORTO BOTANICO, il 28 ottobre 1994 è sorta una:

“ASSOCIAZIONE AMICI DELL’ORTO BOTANICO”

I progetti dell’Associazione sono stati formulati sulla base di diverse iniziative:

    - culturali, con presentazione di conferenze su temi di Botanica e Floricoltura, preparazione di brevi seminari teorico-pratici su argomenti di Floricoltura e Giardinaggio, Mostre e Manifestazioni legate al mondo delle piante nella splendida cornice del Chiostro e dell’Orto.

    - con apertura dell’Orto alla città come centro di aggregazione e di riavvicinamento alla natura e ampia disponibilità per gli Studenti di tutte le età.

    - con azione di rilancio che si realizzi anche attraverso la partecipazione di operatori economici esterni che concorrano a realizzare progetti mirati e di grande necessità.

     
lo Statuto dell'Associazione
 - il Regolamento dell' Associazione

Lo statuto dell'Associazione

ARTICOLO 1
E’ costituita ai sensi degli artt. 36-42 del Codice Civile nonché ai sensi della legge 11 agosto 1991 nr.266, un’Associazione di Volontariato non riconosciuta denominata: “AMICI DELL’ORTO BOTANICO” L’Associazione non ha scopo di lucro e persegue le proprie finalità avvalendosi in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie egratuite dei propri aderenti. Scopo dell’Associazione è di collaborare concretamente e fattivamente con l’Orto Botanico dell’Università di Pavia, nel rispetto dei vincoli didatticoscientifici e storico-architettonici che sono all’origine dell’Orto stesso:

a) nell’educazione al rispetto e all’amore per le piante e ambiente, attraverso la didattica (visite guidate, mostre, conferenze, corsi, gite e iniziative varie) e avvenimenti sociali o culturali;

b) nella conservazione e nello sviluppo delle sue collezioni botaniche e delle ricostruzioni di ambienti e di habitat;

c) nel diffondere le conoscenze botaniche e ambientali collaborando con le strutture e i lavoratori dell’Orto Botanico e, loro tramite, con chi ne condivida gli obiettivi.

d) nel sostenere l’Orto Botanico anche finanziariamente attraverso iniziative che l’Associazione deciderà di prendere in accordo con la Direzione e le finalità dell’Orto; Per il perseguimento di tale scopo l’Associazione potrà addivenire ad ogni opportuno accordo con enti o persone fisiche e giuridiche, italiani e stranieri, che a qualsiasi titolo siano interessati al perseguimento delle stesse finalità e alla valorizzazione dell’ Orto. Per il perseguimento dei suddetti scopi l’Associazione potrà compiere ogni operazione mobiliare e immobiliare, stipulare ogni contratto e prendere tutte le iniziative che il Consiglio Direttivo ritenga necessarie e opportune.